Lo scorso fine settimana, 19, 20 e 21 aprile, Cavalieri e Dame del Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme si sono incontrati nello splendido Hotel Cocumella di Sant’Agnello di Sorrento, incantevole dimora storica di recente e raffinata ristrutturazione, che ha accolto gli esponenti di spicco di una confederazione mondiale di persone unite dalla Fede e dai valori cavallereschi, nel medioevo, epoca di fondazione dell’Ordine, come nel XXI secolo.

Fratelli con provenienze regionali e sociali diverse, professioni, insegne, emblemi, ranghi gerarchici differenti, ma accomunati dagli intenti e dal desiderio di applicare gli ideali di un tempo anche nella vita quotidiana di oggi. Nella solidarietà ai bisognosi, nel rispetto del prossimo, nella tutela della religiosità. Così si potrebbe riassumere il “ 901 Capitolo” del SOSJJ, voluto e condotto dal Gran Maestro S.E. Dott. C. S. Fussone (già dell’Exarchate of Europe and Russia,  FEDAP-SOSJJ “Knights of Malta” (U.S. Priorate, NY), Inc.), ed oggi, a seguito dell'unificazione al Sinodo di Rodi del 2012, da molti colti e storici meglio conosciuto come l'unico "Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme", *World Confederation* appunto, anche ente non governativo, aderente ai programmi ufficiali dell’O.N.U.

ALBERTO 13 

In tale occasione il Gran Maestro è stato affiancato dall’Ill.mo Comm., Cav. Alberto Falco, nella giornata promosso da Prefetto all’importantissima carica di Luogotenente, promotore dell’incontro campano nelle meravigliose zone della Costiera Amalfitana e Sorrentina, nonché fondatore e coordinatore della “Commenda Federico II” con sede a Napoli.

La scelta della location tutt’altro che casuale, ha rappresentato per gli appartenenti all’Ordine, anche un ritorno alle origini della propria storia, in quanto proprio di provenienza amalfitana furono i naviganti che sotto la guida del Beato Fra’ Gerardo, fondarono sin da prima dei tempi delle Crociate in Terra Santa, l’Ordine ed il primo Ospedale di accoglienza e cura dei guerrieri feriti.

Caso unico e speciale nella Storia, antesignano di spiriti di uguaglianza e fratellanza tra popoli, culture e fedi diverse, che prestava soccorso ai bisognosi di qualsiasi fede, quindi anche musulmana.

Guerrieri e Monaci di Pace e per la Pace, forti nel sostenere i propri valori, ma generosi con il prossimo, di qualsiasi ceto e razza. Questo è ancora oggi il principio che persegue tale organizzazione internazionale che porta alta nel mondo la fama e il significato spirituale della Croce delle Otto Beatitudini, ora più nota come croce di Malta, ma in realtà simbolo araldico medioevale della Città di Amalfi.

     ALBERTO 10    ALBERTO11    ALBERTO 9     
In occasione del Capitolo e della fondazione della Commenda, è stato anche costituito il Corpo Diplomatico dell’Ordine, Ente di Diritto con sede negli Stati Uniti d’America,e registrato lo statuto dell’International Academy of Peace. Dopo gli impegni ufficiali e burocratici, le ammissioni dei numerosi nuovi Cavalieri, severamente ed accuratamente selezionati dal Consiglio Magistrale tra coloro che per elevatura morale ed onestà si sono contraddistinti nei loro ambienti di vita, divenendo simboli di riferimento e irreprensibilità per chi li conosce e frequenta, e le elevazioni di grado dei Dignitari meritevoli, i presenti hanno apprezzato scene di vita medioevale, tornei all’arma bianca come da antica tradizione crociata, leggiadre dame, giochi di bandiera e sonate di musici e chiarine del Palio di Asti, altra città in cui l’Ordine conserva ancora importantissime testimonianze storiche della sua diffusione nei secoli in tutta Italia e nel mondo: il Sito di San Pietro in Consavia e l’antico Ospedale dei Cavalieri di San Giovanni o dei Gerosolimitani del 1200.
ALBERTO 17

Sole splendido e luminoso, come il potere della Fede alternato a sferzate vigorose di vento, grandine e pioggia, allegoricamente paragonabili alle continue e dure prove a cui un uomo è sottoposto per rafforzare la propria anima e temprare la devozione in Cristo, mare limpido e infinito come la generosità e la pace, alternato a rocce e scogliere, aspre e irte come le difficoltà della vita, erano quadro perfetto all’incontro.

Il prossimo appuntamento del SOSJJ, programmato e definito insieme al Vice Sindaco rodiota, Savvas Diakostamatiou, proprio a Sorrento, sarà un importante evento culturale e sociale che si svolgerà in estate nell’Isola greca di Rodi, sede dei Cavalieri dopo l’esodo da Gerusalemme e da Cipro.

ALBERTO 16

 

cura di  Samantha Panza

 

 

Nostre Presenze

Sito Ufficiale del Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme,  Sovereign Order of Saint John of Jerusalem - Official Site 

Donazioni PayPal

Skype

Skype Me™!

 

 

 

 

 

Capitolo XI° - 2017 Buenos Aires

Sbandieratori - SOSJJ

 

 

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Utenti on line

Abbiamo 74 visitatori e nessun utente online

Pagina Facebook

Accesso Utenti

Link